Seguici su

FacebookTwitterLinkedInPlus googleyoutube

Iscriviti alla newsletter

Area assistenza

 

crm-home

dispositivo firma digitaleLa storia della firma elettronica inizia con il Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD) e il Decreto Legislativo 7 marzo 2005 n. 82 in cui vengono sancite le modalità telematiche con cui aziende e privati cittadini possono comunicare con le pubbliche amministrazioni.
Il CAD ha subìto successive integrazioni nel 2010 e nel 2012, fino a concretizzarsi nella vigente normativa contenuta nel  Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 febbraio 2013 in cui è fatta chiarezza sulle diverse tipologie di firma elettronica, le modalità di generazione e la valenza giuridica.

Sono identificate quattro differenti tipologie di firma elettronica:

Firma elettronica semplice (o debole): è un metodo di autenticazione informatica del documento basato su dati elettronici in esso contenuti o allegati. Ogni volta che spediamo una email o accediamo a un'area riservata, lo facciamo inserendo una coppia di dati (login-password o utente-pin) pertanto qualsiasi documento elaborato in forma elettronica e condiviso attraverso questi metodi è considerato firmato elettronicamente. Rientrano in questa categoria anche i documenti recanti firma autografa scansita e applicata come immagine o le comunicazioni inviate tramite PEC.

I documenti con firma elettronica semplice possono essere presentati in sede giudiziale come prove, ma la loro validità è liberamente giudicabile in relazione al contesto e alle circostanze in quanto i dati elettronici presenti rendono il documento riconducibile all'autore ma non in modo univoco.

Firma elettronica avanzata: rispetto alla precedente, il metodo di apposizione della firma si intende eseguito con uno strumento di cui il firmatario ha esclusivo controllo e pertanto il documento risulta legato in maniera univoca all'autore.

Rientrano in questa categoria i documenti firmati tramite l'utilizzo della Carta Regionale dei servizi (CRS) o Carta Nazionale dei servizi (CNS) attraverso il software messo a disposzione della Regione.
In sede giudiziale, i documenti presentati con firma elettronica avanzata sono considerati validi fino a dimostrazione (con onere della prova) che sono dei falsi. Questo tipo di firma inoltre rende validi molti atti redatti in modalità informatica che per legge devrebbero essere realizzati in forma scritta. Il firmatario dei documenti deve essere il  medesimo soggetto da cui doveva essere sottoscritto il documento cartaceo.

Le successive due tipologie di firma (Firma elettronica qualificata e Firma digitale) sono le uniche a garantire la validità, l'autenticità, l'integrità e la paternità del documento: la procedura informatica infatti prevede l'utilizzo di 

  • un dispositivo sicuro per la creazione della firma
  • un apposito certificato qualificato

La firma digitale si differenzia dalla firma elettronica qualificata poichè al certificato aggiunge due chiavi crittografiche (una pubblica  e una privata) tra loro correlate che garantiscono

  • la verifica, da parte dei destinatari, dell'identità del soggetto firmatario;
  • la sicurezza della provenienza e della ricezione del documento;
  • la certezza che l'informazione contenuta nel documento non sia stata alterata;
  • la segretezza dell'informazione contenuta nel documento

Certificato e chiavi crittografate sono rilasciati da enti certificatori accreditati e hanno una validità temporale di 3 anni, dopodichè il titolare di firma dovrà essere nuovamente verificato.

A livello giuridico tutti documenti firmati con firma elettronica qualificata e firma digitale sono riconosciuti validi a tutti gli effetti di legge e soddisfano il requisito della forma scritta. Gli atti specifici per cui è indispensabile ricorrere a questi due tipi di firma sono individuati all'art. 1350 del codice civile, punti 1-12.

telefono arancione

Download gratuito Ebook

  • copertina ebook fatturazione pa
    Vademecum fatturazione PA

 

business partner

FacebookTwitterLinkedInPlus googleyoutube

Questo sito utilizza cookies per garantire le proprie funzionalità ed agevolare la navigazione agli utenti, per saperne di più vedi l'informativa estesa
Cliccando "OK" l'utente accetta detto utilizzo.